In cosa consistono una visita, o una consulenza, nutrizionale?

La visita nutrizionale si svolge in ambulatorio (a Pavia) in presenza del proprietario e dell’animale e consiste, appunto, in una visita clinica dell’animale congiunta a una raccolta di informazioni sullo stesso. Segue a queste due fasi la consulenza, la cui durata è di almeno 60 minuti. Durante questo primo colloquio è importante raccogliere il maggior numero di informazioni possibili sull’animale, sul suo stile di vita, nonché sul contesto famigliare. È altrettanto importante che il proprietario abbia il tempo e il modo di fare esporre domande e di chiedere chiarimenti sui dubbi.

La consulenza nutrizionale a distanza si svolge nella stessa maniera, ma a distanza. In nutrizione non esistono barriere geografiche ed è possibile stilare piani nutrizionali efficaci anche stando dall’altra parte del mondo, ma resta ottimale e corretto avere l’appoggio del collega (veterinario) che segue l’animale sul territorio. La collaborazione con i colleghi è assolutamente indispensabile quando la richiesta di un piano nutrizionale è finalizzata al miglioramento di una patologia da cui l’animale è affetto.

Quando richiedere una visita, o una consulenza?

Potete contattare il veterinario nutrizionista (rossella.dipalmavetATgmail.com à sostituire AT con @)in qualsiasi fase della vita del vostro animale, perché è la nutrizione ad adattarsi al paziente, e non viceversa. È infatti possibile formulare piani dietetici per cuccioli e gattini in accrescimento, per femmine in gravidanza e in lattazione, per animali adulti sani e per animali anziani. È altresì possibile formulare diete per animali atleti e per animali obesi, o in sovrappeso.

Per quanto riguarda gli animali malati, un piano nutrizionale personalizzato può essere di grandissimo aiuto in caso di:

enteropatie acute e croniche; insufficienza renale; patologie delle basse vie urinarie (inclusi i calcoli); epatopatie; problemi dermatologici; epilessia; cardiopatie; patologie oncologiche; diabete; ipertiroidismo nel gatto.

Che cosa devo portare, o inviare?

Al momento del primo contatto vi verranno inviati un modulo/liberatoria per la raccolta dei dati nel rispetto della legge sulla privacy e un secondo modulo chiamato “Storia Nutrizionale”. La compilazione accurata di questo modulo velocizza la raccolta dei dati nel corso della visita (o della consulenza) e fornisce al veterinario lo schema di base su cui verrà strutturata la dieta. È pertanto importante che venga compilato con cura e portato insieme al cane in ambulatorio, o inviato in anticipo rispetto alla consulenza.

Contestualmente siete invitati a portare con voi la documentazione clinica in vostro possesso. Con documentazione clinica si intendono i referti e gli esiti delle analisi in vostro possesso.

… e dopo la visita?

Dopo la visita, o la consulenza, verrà elaborato un piano nutrizionale (dieta casalinga, dieta BARF, o alimento commerciale idoneo) personalizzato che può comprendere, a seconda del caso, fino a 7 menù.  Insieme ad esso riceverete le istruzioni per organizzare al meglio i pasti, nonché la transizione dalla vecchia alla nuova alimentazione. Ogni animale riceverà inoltre un foglio con istruzioni personalizzate che può includere integrazioni funzionali (vitamine, fitoterapici e altri nutraceutici) finalizzati alla gestione della patologia da cui è affetto o, più semplicemente, al miglioramento del suo stato di salute.